Privacy Policy

Cani Guida

il cane guida consente al cieco di spostarsi in autonomia e sicurezza al di fuori delle mura domestiche, fermandosi davanti ad ostacoli come pali, gradini, porte veicoli in sosta sui marciapiedi ecc. Sono addestrati a riconoscere ed individuare strisce pedonali, marciapiedi, porte, scale, scale mobili e ascensori ogni qualvolta il loro conduttore cieco glielo richiede.

Ciò presuppone che il cieco conduttore di un cane guida sia in grado di orientarsi nello spazio e possegga una buona mobilità e conoscenza dell’ambiente circostante: infatti non è il cane che “accompagna” il cieco, ma il cieco che stabilisce il percorso; perciò, il compito del cane è quello di far raggiungere la destinazione in tutta sicurezza rimanendo concentrato sul percorso e sulle indicazioni del conduttore.

Per permettere al conduttore cieco di interpretare correttamente i movimenti del cane quest’ultimo indossa una pettorina munita di un maniglione rigido, la quale differisce per forma e materiale a seconda delle scuole/centri di addestramento.

Quando il cane indossa questa “bardatura” è conscio che sta lavorando e che è responsabile dell’incolumità del suo conduttore; per questo motivo è buona norma e regola non disturbare in alcun modo (accarezzando o chiamando) questi cani quando li si incontra: essi perdono la concentrazione, mettendo in crisi entrambi perdendo così l’orientamento.

Altre cose da non fare in presenza di un cane guida sono: non approcciare cieco e cane guida da dietro perché entrambi potrebbero spaventarsi e il cane potrebbe reagire in difesa del conduttore;non lasciare che il vostro cane si avvicini al cane guida e se è sciolto recuperatelo e mettetelo al guinzaglio il prima possibile; non date da mangiare al cane guida senza il consenso del suo conduttore.

Le razze più frequentemente addestrate in Italia al momento per questo compito sono:

Labrador

 

 

 

 

 

Golden retriever

 

 

 

 

 

Flat coated retrieve

 

 

 

 

 

Pastore tedesco.

  

error: Content is protected !!